L'Uruguay non è più un salvacondotto per le banche offshore

L'Uruguay non è più un salvacondotto per le banche offshore

Le cifre parlano da sole: nel corso degli ultimi tre anni 12 banche off-shore hanno deciso di chiudere i suoi uffici in Uruguay. Le ragioni della fuga da questo paese sudamericano sono varie, tra cui quella che gli istituti bancari non si vogliono correre un potenziale rischio reputazionale per un mercato realmente molto piccolo; Aggiungete a ciò la bassa redditività e inoltre, un altro elemento importante per la loro partenza è il nuovo standard internazionale mediante il quale si richiede loro più capitale.
La prima banca off-shore a lasciare l'Uruguay è stata la Royal Bank of Canada (RBC), che ha chiuso i suoi uffici in Uruguay alla fine di ottobre 2013. Poi è arrivata la fuga precipitosa di un totale di 11 istituzioni che hanno lasciato l'offshore banking uruguaiano. Tra loro c'erano: HSBC Servizi finanziari e Lloyds Bank (quest'ultima ha scelto di vendere anche la propria banca commerciale in Uruguay allo svizzero Heritage), Deutsche Bank Leumi, UBS, SGPB (Suisse, Societe Generale Bank & Trust), LGT Bank e Raymond James.
Per completare il quadro preoccupante di banche offshore in Uruguay, alla fine dello scorso anno hanno anche deciso di lasciare il paese lo svizzero Union Bancaire Privée (UBP), l'Hapoalim israeliana e anche lo svizzero Credit Suisse.
Le ragioni della partenza di ciascuna banca sono diverse. Ad esempio, RBC ha scelto di andare in pensione dopo aver ricevuto un controllo di Giustizia per un'indagine di riciclaggio di denaro. L'inchiesta non ha avuto esiti, ma RBC ha preferito fare i bagagli.
Anche l'attuale contesto internazionale sfavorevole per l'offshore banking ha inciso per le partenze dall'Uruguay. Succede che molte banche offshore temono una punizione simile a quella che HSBC ha ricevuto. In questa istituzione, negli Stati Uniti, sono entrati clienti latino-americani che avevano conti con i soldi provenienti della droga del cartello messicano nel 2011. Il risultato è stato un enorme multa di due miliardi di dollari, imposta dal regolatore degli Stati Uniti.
La situazione economica in Uruguay è un altro elemento che ha influito nel disinteresse dell'offshore banking verso quel paese. Attualmente, l'Uruguay ha un sistema finanziario che è meno redditizio rispetto alla media della regione e che ha un costo maggiore rispetto alla regione sul reddito. Poi ci sono i requisiti patrimoniali più elevati derivanti dalle modifiche normative a livello globale.
Due anni fa, il bancario offshore in Uruguay ha raggiunto una gestione fondi di US $ 25.000 milioni. Oggi, quella cifra è stata ridotta in modo significativo.


Se ha dubbi può contattarci per mail, se preferisce una consulenza telefonica deve aver pagato il servizio o pagare la consulenza

Prenotare

aprire conto all'estero

BANANA00

vaultoro