Le migliori giurisdizioni per aprire un conto bancario offshore

Le migliori giurisdizioni per aprire un conto bancario offshore

Quando si ha bisogno di diversificazione, la sicurezza e la privacy, avere un conto bancario offshore diventa fondamentale, tanto più quando tenere il patrimonio nel proprio paese d'origine, è sempre più un'opzione rischiosa soprattutto per la cattiva gestione del denaro raccolto con le tasse

Le persone fisiche puntano su conti bancari offshore soprattutto nei paradisi fiscali per la privacy, sulla base del fatto che le leggi non consentono lo scambio di informazioni fiscali con altri paesi; ecco perché il contribuente è in grado di preservare il suo reddito senza che l’Agenzia delle Entrate del suo paese possa controllarlo. Altro fattore da considerare per avere conti bancari offshore è il risparmio e la possibilità di aumentare i profitti attraverso la riduzione del pagamento delle tasse.

Allo stesso modo, la sicurezza è la chiave tra i vantaggi offerti dai conti offshore. Il titolare di un conto bancario offshore può avere accesso ai suoi soldi da qualsiasi parte del mondo utilizzando una carta di credito collegata al suo conto per onorare i prodotti e i servizi acquistati, effettuare bonifici bancari o prelevare fondi.

Pertanto, coloro che sono preoccupati per la sua sicurezza finanziaria non dovrebbero ignorare i vantaggi offerti da un conto bancario offshore nella giusta giurisdizione.



Banche offshore alle Bermuda

Situato molto vicino al Mar dei Sargassi, l'arcipelago delle Bermude è parte del Territorio d'Oltremare Britannico, e in questa zona non ci sono tasse sui profitti, entrate o dividendi, né imposte sugli utili di capitale e nessuna ritenuta fiscale sulle vendite: data la serietà delle banche offshore delle Bermuda, sono il luogo ideale per aprire conti bancari offshore.

Le banche offshore alle Bermuda offrono servizi per tutti i tipi di investimenti per i non residenti, come aprire conti bancari offshore, così come conti di risparmio e altri prodotti finanziari attraverso Internet o attraverso una consulenza professionale. Ora, molti paesi applicano le tasse sul reddito dei loro residenti in qualsiasi parte del mondo, così che anche se alle Bermuda non ci tasse, è possibile che si debba pagarle nel proprio paese di residenza.

Per aprire conti bancari offshore alle Bermuda si deve specificare prima di tutto un ragionevole motivo per cui si desidera utilizzarlo. Le richieste con motivazioni vaghe, come 'migliori tassi di interesse", “instabilità finanziaria nel paese di origine" o altre dello stesso tipo, tendono ad essere negate. Anche le banche offshore alle Bermuda, per aprire conti bancari offshore, richiedono la presentazione di un documento di identità, una copia del passaporto e la prova che il denaro da investire non provenga da fonti illegali.

Banche offshore nelle Isole Cayman

Attualmente nelle Isole Cayman operano più di 500 soggetti tra banche e società fiduciarie, il che indica l'importanza di questa giurisdizione fiscale nella finanza internazionale, come pure la sua posizione come uno dei principali Paradisi Fiscali.

Nella regione dei Caraibi, le Bahamas e le Isole Cayman sono classificate tra i principali Paradisi Fiscali. Nel caso di questa ultima giurisdizione fiscale, essa offre tutti i tipi di vantaggi legislativi e fiscali per i non residenti. L'ex colonia britannica gode di autonomia politica e occupa un posto di rilievo nella classifica dei Paradisi Fiscali grazie al suo vantaggioso regime fiscale, diventando uno dei 10 centri finanziari offshore più grandi al mondo per ammontare di depositi.

I guadagni d’impresa ottenuti fuori da questa giurisdizione fiscale e i rendimenti di capitale come interessi o dividendi non sono tassati, per questo motivo sono classificate come uno dei più affascinanti Paradisi Fiscali tanto che diverse società del mondo scelgono di aprire i loro conti presso le banche offshore delle Isole Cayman. Le società operanti dalle Isole pagano i diritti di licenza annuale basati sul capitale sociale autorizzato della società.

Le Isole Cayman non hanno accordi per evitare la doppia imposizione con nessun paese; pertanto, i proprietari di conti presso le banche offshore delle Isole Cayman sono al sicuro dalle autorità fiscali dei loro rispettivi paesi. Analogamente le società finanziarie offshore delle Isole Cayman non sono obbligate dalla legge a comunicare le loro attività finanziarie annuali alle autorità della giurisdizione fiscale. Questo consente alle compagnie di trasferire i fondi dai loro conti bancari nelle Isole verso qualsiasi parte del mondo, un chiaro vantaggio per quelle società che investono nei mercati finanziari globali.

Come in molte altre giurisdizioni fiscali, per aprire conti bancari presso le banche offshore nelle Isole Cayman si applica il principio noto come conosci il tuo cliente; pertanto, le persone fisiche non residenti devono fornire informazioni personali per dimostrare la loro identità. La documentazione richiesta consiste in un riferimento bancario, fornito dalla banca attuale, che indica i movimenti degli ultimi sei mesi, in una documentazione sull’identità, indirizzo di residenza, numero di telefono, nazionalità, data e luogo di nascita, professione e dettagli sullo scopo del conto bancario, così come la natura e il volume delle transazioni in dollari statunitensi, tra cui l'origine dei depositi iniziali. Il deposito iniziale minimo è di solito di 2.500 dollari.

Le società offshore esenti da imposta nelle Isole Cayman sono regolate dal seguente modello: il nome della società deve includere i suffissi Limited o Ltd., Corporation o Corp, Incorporated o Inc.; non diffondono l'identità del beneficiario; non hanno nessuna tassa e consentono un minimo di 1 azionista, 1 direttore, l'obbligo di un segretario e un capitale sociale standard di 50.000 dollari; per quanto riguarda le tasse governative, la licenza annuali è di 854 dollari e la tassa di dichiarazione annua è di 250 dollari.

Banca offshore di Gibilterra

Conosciuta nel mondo per la sua Rocca, Gibilterra ha lo status di territorio britannico d'Oltremare essendosi unita al Regno Unito nel 1973, anche se è anche parte dell'Unione Europea (UE), ma con uno status speciale e singolare: è al di fuori dell'unione doganale dell'UE, non stanzia entrate doganali all'Unione Europea ed è esclusa dalla Politica Agricola Comune e dall'armonizzazione dell'IVA in vigore nell'Unione Europea.

La banca offshore di Gibilterra può fornire servizi in tutta l'Unione Europea senza dover richiedere licenze o autorizzazioni negli Stati membri in cui opera, cosa che la distingue come Paradiso Fiscale. Per esempio, molti casinò online installati nell'Unione Europea hanno sede a Gibilterra, dove l'onere finanziario è notevolmente inferiore. Una delle forme giuridiche con cui si può costituire una società a Gibilterra è la Private Limited Company (Ltd) che è esente da tassazione se svolge le sue attività al di fuori di Gibilterra e se i beneficiari sono non residenti. Anche così, la società può essere controllata da Gibilterra o avere amministratori locali.

Come Paradiso Fiscale, per le società esenti c'è una tassa fissa annua tra 200 e 300 sterline a seconda del tipo di attività e struttura. Le società domiciliate a Gibilterra possono essere utilizzate per ottimizzare le tasse in diversi settori quali rendite e investimenti immobiliari, investimenti in borsa o commercio internazionale.

Grazie all'efficiente banca offshore di Gibilterra, costituire una società a Gibilterra è fattibile perché ha molte istituzioni finanziarie sotto la supervisione della Banca d'Inghilterra. Sebbene la banca offshore di Gibilterra sia relativamente piccola per gli standard di altre giurisdizioni fiscali, attualmente operano circa 20 banche internazionali che offrono una vasta gamma di servizi bancari offshore per i non residenti e gli investitori. Gibilterra è considerata Paradiso Fiscale dall'OCSE grazie alle sue condizioni fiscali vantaggiose, affermandosi così come un centro finanziario offshore di particolare interesse per gli europei.

Aprire un conto bancario offshore in Gibuti

Piccolo paese situato nel Corno d'Africa, la Repubblica di Gibuti ha 23,200 km2 e confina con l’Eritrea al nord, l'Etiopia ad ovest e sud e con la Somalia a sud-est. Le coste sono bagnate dal Mar Rosso e dal Golfo di Aden. La capitale si chiama Gibuti e il paese ha una popolazione di oltre 900.000 persone.

Gibuti è una nazione multietnica, dove i somali e il popolo afar sono i gruppi etnici più numerosi. Entrambi parlano lingue afroasiatiche che sono riconosciute come lingue nazionali, anche se l’arabo e il francese sono le lingue ufficiali. Oltre il 90% dei Gibutiani pratica l’Islam, la religione predominante nella regione per oltre un millennio. Il paese ha una posizione strategica vicino a uno dei punti più frequentati per la navigazione commerciale, l'accesso al Mar Rosso dall’Oceano Indiano, la sua costa è quindi un centro di grande importanza per le navi mercantili e diventa anche un porto per le importazioni e le esportazioni della vicina Etiopia.

È possibile aprire un conto bancario offshore in Gibuti, con tutti i vantaggi offerti da un paradiso fiscale: tasse basse o inesistenti; poca o nessuna informazione fiscale con le autorità fiscali estere; e trasparenza nel funzionamento delle disposizioni legislative, giudiziarie o amministrative.

Grazie a queste opportunità, aprire un conto bancario offshore in Gibuti oggi, è un'ottima scelta. Le banche offshore a Gibuti rendono facile aprire un conto bancario offshore online con qualsiasi banca nel mondo. Per richiederlo, la banca offshore di Gibuti invita ad immettere le informazioni richieste nei formulari, stampare il tutto e inviare via e-mail alla banca. È necessario fornire le fotocopie di alcuni documenti, quindi fotocopiare e allegare. Se lo fate in prima persona, è sufficiente avere con voi i documenti.

La banca offshore di Gibuti consente anche di aprire un conto in HDFC (Housing Development & Finance Corporation), adatto per fare operazioni bancarie online con la comodità di visitare la vostra banca locale. Tuttavia, prima di aprire un conto bancario HDFC, assicuratevi di avere l'identificazione, i documenti e le informazioni necessarie.

Aprire un conto bancario offshore in Irlanda

La Repubblica d'Irlanda è membro dell'Unione Europea (UE), e occupa la maggior parte dell'isola con lo stesso nome. La sua capitale è Dublino, situata ad est dell'isola e ha un’unica frontiera terrestre con l'Irlanda del Nord, uno degli stati costituenti del Regno Unito. L'Irlanda ha una superficie di 70273 km² e 4.600.200 abitanti.

La banca irlandese è non burocratica e ogni succursale ha una grande autonomia di decisione, ancor più che in altri paesi dell'UE, per facilitare, autorizzare o negare un prestito.

Aprire un conto bancario offshore in Irlanda – per i locali o stranieri -è solitamente una diligenza personale, per una persona maggiorenne: è necessario presentare un passaporto se si è straniero e un documento comprovante che si risiede in Irlanda, come il numero di PPS o una ricevuta di bollette (elettricità, gas, telefono fisso) dove appare il vostro nome. Nel caso si viva in affitto e non si hanno le fatture a proprio nome si consiglia una lettera scritta dal proprietario attestante che si risiede a quell’indirizzo.

Inoltre, è meglio aprire un conto in banca prima di muoversi in Irlanda, in questo modo è possibile trasferire i fondi ed è anche importante mantenere un conto nel paese d'origine distribuire i fondi e coprire i costi imprevisti.

Poiché l'Irlanda fa parte dell'Unione Europea, i regolamenti sulle attività bancarie per i residenti e non residenti comunitari sono gli stessi, anche per i cittadini americani. Tuttavia, la maggior parte delle banche offre conti di risparmio per i non residenti, in cui è possibile depositare denaro e fare virtualmente la maggior parte delle attività bancarie senza incorrere in addebiti amministrativi.

Inoltre, ci sono tipi di conti bancari offshore in Irlanda per persone che non vanno a risiedere nel paese per più di 12 mesi. A volte ci sono anche offerte speciali per i non residenti, per cui è necessario soltanto l’identità o un riferimento bancario attuale.

Conti bancari offshore in Islanda

La Repubblica dell'Islanda è un paese situato nell'estremo nord-ovest dell'Europa, il cui territorio comprende l'isola omonima e alcune isole minori e isolotti adiacenti nell’Oceano Atlantico e vicini alla Groenlandia. Ha una popolazione di circa 331,000 abitanti e una superficie di 103.000 km².

Aprire conti bancari offshore in Islanda ha una caratteristica: ogni banca ha i suoi regolamenti, ma come giurisdizione offshore l’unico requisito comune nelle banche è il kennitala e l’avere registrato il domicilio legale in Islanda. Il kennitala è il registro nazionale, e per lo straniero è essenziale avere un kennitala per aprire conti bancari offshore in Islanda, come anche per registrare la propria residenza legale o chiedere il servizio di Internet e il servizio del telefono di casa.

Gli interessi e i servizi offerti dalle banche sono differenti. Per questo motivo è bene familiarizzare con i vari servizi di ciascuna banca per scoprire quali offrono il meglio e quali ci favoriscono di più e potendo quindi scegliere in quale di esse aprire un conto.

Le banche in Islanda offrono il servizio di Home Banking, che consiste nell’andare sul sito della banca ed effettuare le transazioni da lì. Anche gli sportelli automatici ATM sono molto diffusi. Inoltre, in qualsiasi banca, è possibile richiedere una carta di credito o, richiedere prestiti e scoperti bancari.

Aprire conto bancario offshore in Macedonia

La Repubblica di Macedonia è uno stato indipendente senza sbocco sul mare, situato nella penisola balcanica nell'Europa sudorientale. Delimitato a nord dalla Serbia (compreso il Kosovo), ad est dalla Bulgaria, a sud con la Grecia e a ovest con l'Albania. La Macedonia ha una superficie di 25.713 km² e 2.100.300 abitanti, la capitale è Skopje, con più di 700.000 persone.

Le misure adottate dal governo della Macedonia sono allettanti. Ha lanciato una campagna pubblicitaria sui media internazionali più importanti (come ad esempio il Wall Street Journal) per pubblicizzare i vantaggi di investire, e ha creato il sito Web (www.investinmacedonia.com) in diverse lingue, il che è insolito, sotto lo slogan: "La Macedonia è il nuovo paradiso degli investimenti in Europa". Secondo la campagna, la Macedonia è diventata un Paradiso Fiscale dopo il taglio fiscale e il tasso unico del 10% sia per gli individui che per le società, a cui si aggiunge l'esenzione totale quando si reinveste nel paese.

Inoltre, hanno creato una serie di aree di sviluppo tecnologico, qualcosa che ricorda i poli di sviluppo franchisti, dove i vantaggi fiscali per gli investimenti sono: esenzione totale dall’imposta per 10 anni e sconto del 50% sul reddito per 5 anni. Viene rimosso l'equivalente dell'IVA e le tasse doganali per le materie prime e le attrezzature, e si concedono sovvenzioni per costruire impianti fino a 500.000 EURO. Queste aree hanno elettricità, gas e acqua gratis, ed è possibile accedere al suolo con leasing per 75 anni.

Conto bancario offshore a Singapore

Singapore è un paese insulare composto da 63 isole situate nel sud-est della penisola della Malesia e uno dei più importanti centri finanziari del mondo che gioca un ruolo importante nel commercio internazionale e nell'economia globale, grazie alle 205 banche operanti nel suo territorio.

Singapore offre servizi offshore a clienti in tutto il mondo e in particolare la costituzione di società offshore, trust e servizi bancari. Come centro finanziario è molto attraente grazia alle sue tasse basse o quasi nulle per le società offshore e non-residenti e per le società nazionali. Le società offshore a Singapore possono commerciare liberamente sia all'interno che all’esterno della giurisdizione; se le attività commerciali si svolgono esclusivamente al di fuori della giurisdizione, sono esenti da tasse sui profitti, dividendi o interessi.

Il settore della banca offshore di Singapore è molto consolidato ed è uno dei più rispettati, avendo la presenza della maggior parte delle principali banche. La banca offshore di Singapore applica forti leggi per proteggere la privacy dei beneficiari e gli interessi in un conto bancario offshore a Singapore sono esenti da tasse.

Le società offshore a Singapore beneficiano di un regime fiscale vantaggioso che incoraggia gli investimenti stranieri attirando sempre più le imprese. Uno dei vantaggi è che non è necessario l’accreditamento dei beneficiari delle società offshore di Singapore, così questi ultimi sono completamente protetti. Per costituire una società in questa giurisdizione si richiede un minimo di un direttore e un azionista. I beneficiari possono anche nominare un direttore fiduciario e azionisti. Secondo il tipo e l'attività dell'azienda, questa può aderire a un'esenzione della revisione contabile. Uno dei requisiti per questa esenzione è non superare i 5 milioni di dollari di fatturato annuo e avere meno di 20 soci.

Singapore ha degli accordi di doppia imposizione con la Cina, Regno Unito, Nuova Zelanda, Australia, India, Francia, Svezia, Corea del Sud, Vietnam e altri. Nonostante questi accordi di doppia imposizione, Singapore offre una totale libertà di valuta estera, il che si traduce in una facilità per i non residenti nel momento di muovere denaro dentro e fuori la giurisdizione.

Uno degli svantaggi di aprire un conto bancario a Singapore è che si deve essere presenti, poiché i regolamenti bancari non consentono l'apertura di conti per posta, a meno che il cliente non sia una persona molto conosciuta dalla banca. I clienti HSBC, ad esempio, possono aprire conti in HSBC a Singapore attraverso i suoi uffici locali; ciò non è consigliato se si richiede il segreto bancario, poiché si lasciano i dettagli del conto accessibili in altre giurisdizioni. In ogni caso si consiglia sempre di visitare almeno una volta la banca dove opera il vostro conto bancario offshore di Singapore.

Per quanto riguarda la documentazione, si può mostrare una copia del passaporto, il luogo di residenza, le bollette e la più importante di tutti: la prova che i fondi provengono da una fonte legittima. Ad esempio, se i fondi depositati sono stati ottenuti dalla vendita di beni immobili o da un'eredità, presentando documenti legali pertinenti per dimostrarlo. Infine, si consiglia di portare una lettera di raccomandazione di banchieri del proprio paese e una presentazione come titolare di un conto. Questo riferimento bancario può essere messo all’attenzione di 'a chi può interessare'.

Singapore è diventata una priorità negli ultimi anni per aprire conti bancari offshore in Asia. Destinata al suo tradizionale, ma in rapida crescita, mercato di ricchi imprenditori in Asia, oggi le banche di Singapore sviluppano anche prodotti e servizi su misura per gli americani, europei e australiani, tra cui conti in valute multiple.

Singapore è uno dei paesi più prosperi del mondo, ha un centro finanziario importante e un'economia altamente sviluppata, a cui si aggiunge un quadro normativo molto flessibile, l’indipendenza della magistratura e un pratico sistema giuridico basato sul common law inglese, diventata la base del successo del paese.

L’apertura di un conto bancario offshore è poco complicata. Se si sceglie una qualsiasi delle banche commerciali, sono sufficienti poche centinaia di dollari per aprire un conto. Se si desidera un servizio personalizzato di livello superiore e si è disposti a fare un deposito maggiore, diciamo più di 100.000 dollari o l’equivalente in altra valuta (le politiche variano molto da banca a banca), contattate uno degli operatori della banca privata.

Conti bancari offshore a Vanuatu

La Repubblica di Vanuatu è stata creata nel 1980, ed è un paese insulare situato nell'Oceano Pacifico meridionale. Ha una superficie di 12.200 km2 tra cui più di 80 isole. La sua capitale è Port Vila, sull'isola di Éfaté, con 30.000 abitanti, e Vanuatu che ne ha circa 200.000.

Il governo ha mantenuto il carattere di rifugio tributario e centro finanziario internazionale che aveva Vanuatu prima dell'indipendenza. Circa 2.000 istituti registrati offrono una vasta gamma di servizi finanziari offshore, nonché legali, contabili, fiduciari e d’investimento e di assicurazione. Vanuatu mantiene anche un ufficio di registrazione internazionale delle navi a New York City.

Come Paradiso Fiscale, Vanuatu non dà nessuna informazione sugli investitori e i loro conti, tranne per cause molto giustificate. Nessuna tassa su reddito, guadagni da capitale o eredità, zero ritenute né controlli valutari, aprire conti bancari offshore a Vanuatu è l’ideale.

Molti investitori stranieri hanno stabilito una base operativa a Vanuatu per l’ubicazione centrale dei loro fondi di investimento o società offshore. La protezione data dal governo di Vanuatu, attrae gli investitori stranieri, il che rende l'isola il più importante paradiso fiscale del Pacifico.

Creare conti bancari offshore a Vanuatu è semplice, perché la sua banca offshore opera in inglese, francese e bislama, la lingua madre.


Se ha dubbi può contattarci per mail, se preferisce una consulenza telefonica deve aver pagato il servizio o pagare la consulenza

Prenotare

voguepay IT

SLP_ES

voguepay

VIABUY_ES

BANANA00

localbitcoin_en

abrir cuenta en el exterior

Open bank account

Offshore Company

weststeincard-IT

weststeincard-EN

Changelly 240x400

VIABUY_IT

VIABUY_EN

SLP_IT

SLP_EN

voguepay ES

Spectrocoin 240x400

Società Offshore

aprire conto all'estero

vaultoro

localbitcoin_it

localbitcoin_es

Sociedad Offshore